#terracesculture Instagram Photos & Videos

terracesculture - 2.7k posts

Latest #terracesculture Posts

Advertisements

Advertisements

Advertisements

  • Il calcio è uno sport stupendo. E Manchester City Tottenham ne è stata la dimostrazione. Dopo dieci minuti erano stati segnati 3 gol, dopo venti 5. Il gol di Llorente che regala il passaggio ai spurs. La rete annullata ai citizens al 94' per fuorigioco di 90 millimetri.
Passa il  Tottenham alla fine, e forse è giusto anche così. Perché fare 4 gol, tra andata e ritorno a questa corazzata non è da tutti, ieri con l’assenza pesante di Harry Kane.
Perché la scelta di inizio anno di non fare campagna acquisti e di credere nella rosa dell’anno precedente, premia il duro lavoro di questi ultimi anni di Pochettino.
Ecco perché il calcio è uno sport stupendo.
#footballelite #tottenham #championsleague #emozioni #manchestercity #spurs #england #casuallife #casualday #awaydays #terracesculture #football #calcio #instafootball
  • Il calcio è uno sport stupendo. E Manchester City Tottenham ne è stata la dimostrazione. Dopo dieci minuti erano stati segnati 3 gol, dopo venti 5. Il gol di Llorente che regala il passaggio ai spurs. La rete annullata ai citizens al 94' per fuorigioco di 90 millimetri.
    Passa il Tottenham alla fine, e forse è giusto anche così. Perché fare 4 gol, tra andata e ritorno a questa corazzata non è da tutti, ieri con l’assenza pesante di Harry Kane.
    Perché la scelta di inizio anno di non fare campagna acquisti e di credere nella rosa dell’anno precedente, premia il duro lavoro di questi ultimi anni di Pochettino.
    Ecco perché il calcio è uno sport stupendo.
    #footballelite #tottenham #championsleague #emozioni #manchestercity #spurs #england #casuallife #casualday #awaydays #terracesculture #football #calcio #instafootball
  •  34  0  18 April, 2019
  • Mancavano pochi giorni a Natale, il mercato invernale era nel vivo quando il manager dello United, Alex Ferguson, telefonò all’allora giocatore del West Ham, Paolo Di Canio.
"Mi ha cercato due volte il giorno di Natale, ho pensato fosse un mio amico e l'ho insultato 'Sono io, Alex', mi ha detto, e io 'Alex chi? Sei tu brutto... Non ho capito le sue prime parole e ho pensato che fosse un mio amico dall'Italia. Forse era matto o ubriaco quella notte.
Comunque, una volta chiariti, l'ho ringraziato e gli ho detto che non potevo andare al Manchester United perché ero legato al West Ham e non potevo tradirli".
#footballelite #paolodicanio #alexferguson #westham #manchesterunited #premierleague #england #casuallife #casualday #awaydays #terracesculture #football #calcio #instafootball
  • Mancavano pochi giorni a Natale, il mercato invernale era nel vivo quando il manager dello United, Alex Ferguson, telefonò all’allora giocatore del West Ham, Paolo Di Canio.
    "Mi ha cercato due volte il giorno di Natale, ho pensato fosse un mio amico e l'ho insultato 'Sono io, Alex', mi ha detto, e io 'Alex chi? Sei tu brutto... Non ho capito le sue prime parole e ho pensato che fosse un mio amico dall'Italia. Forse era matto o ubriaco quella notte.
    Comunque, una volta chiariti, l'ho ringraziato e gli ho detto che non potevo andare al Manchester United perché ero legato al West Ham e non potevo tradirli".
    #footballelite #paolodicanio #alexferguson #westham #manchesterunited #premierleague #england #casuallife #casualday #awaydays #terracesculture #football #calcio #instafootball
  •  30  0  13 April, 2019
  • “E’ stato un avversario memorabile, e senza dubbio il miglior difensore che ho incontrato in tutta la mia carriera!” Le parole sono di O' Rey Pelè, il destinatario di questo messaggio è stato il grande Bobby Moore, inglese purosangue e atleta simbolo di un calcio che non c’è più, e che tutti rimpiangiamo. Il 24 febbraio del 1993 lasciava tutti stroncato da una malattia. Oggi avrebbe compiuto 78 anni
Cervello,cuore e temperamento: Moore fu un calciatore completo. Mito del West Ham, con 646 presenze e 27 gol, e dell’Inghilterra, alzò con la fascia al braccio la Coppa Rimet.
Adorato dai tifosi e dalla stampa, metteva tutti d’accordo: per gli allenatori avere uno così era una manna scesa dal cielo. Alf Ramsey, commissario tecnico della nazionale inglese campione del mondo, riferendosi a Bobby diceva: “Era lui il vero ispiratore della squadra. In più di un’occasione è stato il mio braccio destro, quello che faceva eseguire sul campo le mie disposizioni, che teneva alto il morale dei suoi compagni e sapeva trascinarli nei momenti difficili!”
#footballelite #happybirthday #tantiauguri #bobbymoore #england #captain #westham #romantic #oldstyle #worldcup66 #casuallife #casualday #awaydays #terracesculture #football #calcio #instafootball
  • “E’ stato un avversario memorabile, e senza dubbio il miglior difensore che ho incontrato in tutta la mia carriera!” Le parole sono di O' Rey Pelè, il destinatario di questo messaggio è stato il grande Bobby Moore, inglese purosangue e atleta simbolo di un calcio che non c’è più, e che tutti rimpiangiamo. Il 24 febbraio del 1993 lasciava tutti stroncato da una malattia. Oggi avrebbe compiuto 78 anni
    Cervello,cuore e temperamento: Moore fu un calciatore completo. Mito del West Ham, con 646 presenze e 27 gol, e dell’Inghilterra, alzò con la fascia al braccio la Coppa Rimet.
    Adorato dai tifosi e dalla stampa, metteva tutti d’accordo: per gli allenatori avere uno così era una manna scesa dal cielo. Alf Ramsey, commissario tecnico della nazionale inglese campione del mondo, riferendosi a Bobby diceva: “Era lui il vero ispiratore della squadra. In più di un’occasione è stato il mio braccio destro, quello che faceva eseguire sul campo le mie disposizioni, che teneva alto il morale dei suoi compagni e sapeva trascinarli nei momenti difficili!”
    #footballelite #happybirthday #tantiauguri #bobbymoore #england #captain #westham #romantic #oldstyle #worldcup66 #casuallife #casualday #awaydays #terracesculture #football #calcio #instafootball
  •  38  0  12 April, 2019