#anticamorra Instagram Photos & Videos

anticamorra - 444 posts

Hashtag Popularity

1.8
average comments
78.3
average likes

Latest #anticamorra Posts

  • Che gioia vincere con una pellicola contro la #criminalità e per raccontare la speranza.
Grazie ad @ambrogiocrespi che mi ha dato, di fatto, questa possibilità ed alla sua famiglia a @helenepacitto e @n_cre ad Index ed a tutti quelli che ci hanno creduto.
Grazie al @fics_festivalcinemasa  che ci ha premiato nella sezione dei documentari. Davvero grazie. 
Nel film, Klaus Davi, il dirigente scolastico di San Luca (paese calabrese) Mimma Cacciatore, i testimoni di giustizia Benedetto Zoccola (che ci ha onorato con la sua presenza stasera) Gaetano Saffioti, il giornalista d’inchiesta Michele Inserra, il comandante dei Carabinieri Cosimo Sframeli e poi ancora Luciana Careri, fidanzata del carabinieri ucciso dall’Ndrangheta ed il prete #anticamorra Don Luigi Merola.
  • Che gioia vincere con una pellicola contro la #criminalità e per raccontare la speranza.
    Grazie ad @ambrogiocrespi che mi ha dato, di fatto, questa possibilità ed alla sua famiglia a @helenepacitto e @n_cre ad Index ed a tutti quelli che ci hanno creduto.
    Grazie al @fics_festivalcinemasa che ci ha premiato nella sezione dei documentari. Davvero grazie.
    Nel film, Klaus Davi, il dirigente scolastico di San Luca (paese calabrese) Mimma Cacciatore, i testimoni di giustizia Benedetto Zoccola (che ci ha onorato con la sua presenza stasera) Gaetano Saffioti, il giornalista d’inchiesta Michele Inserra, il comandante dei Carabinieri Cosimo Sframeli e poi ancora Luciana Careri, fidanzata del carabinieri ucciso dall’Ndrangheta ed il prete #anticamorra Don Luigi Merola.

  •  83  0  17 November, 2019
  • “La scuola di Scampia che ha battuto la camorra”. Il primo di un ciclo di incontri su mafia e legalità.
📅 venerdì 22 novembre 2019 dalle 15 alle 18. 
Iscrizione obbligatoria entro il 18 novembre
Tra gli ospiti Ciro Corona presidente dell’associazione (R)Esistenza anticamorra Scampia.
📍 Palazzo del Governatore, corso del Guercino 39 – Cento
Gli incontri sono a cura del Comune di Cento e della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con Libera Radio .
#legalità #mafie #liberaradio #anticamorra #scampia
  • “La scuola di Scampia che ha battuto la camorra”. Il primo di un ciclo di incontri su mafia e legalità.
    📅 venerdì 22 novembre 2019 dalle 15 alle 18.
    Iscrizione obbligatoria entro il 18 novembre
    Tra gli ospiti Ciro Corona presidente dell’associazione (R)Esistenza anticamorra Scampia.
    📍 Palazzo del Governatore, corso del Guercino 39 – Cento
    Gli incontri sono a cura del Comune di Cento e della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con Libera Radio .
    #legalità #mafie #liberaradio #anticamorra #scampia

  •  13  0  13 November, 2019
  • La camorra, non è un segreto, ha bisogno di manodopera. Ha bisogno di rimpiazzare coloro che vengono arrestati. Sa appostarsi e attendere la preda con la pazienza del gatto che bracca il topo. Poi lo adesca, lo ammalia, lo circuisce, lo cattura, lo fa suo. Lo deruba della libertà, della dignità. Lo rende nemico della sua stessa gente, della sua stessa anima. Lo convince che sta facendo la cosa giusta da fare. Per comprar loro le scarpe, per mandarli a scuola, per non farli vergognare davanti ai loro amici. A lungo andare questi discorsi vengono assimilati....
e se ne parlassimo assieme dinanzi ad un caffè? 
#staytuned #workinprogress #camorra #anticamorra #naples  #noallacamorra #centopassi #centopassiyoung #mafia #antimafia
  • La camorra, non è un segreto, ha bisogno di manodopera. Ha bisogno di rimpiazzare coloro che vengono arrestati. Sa appostarsi e attendere la preda con la pazienza del gatto che bracca il topo. Poi lo adesca, lo ammalia, lo circuisce, lo cattura, lo fa suo. Lo deruba della libertà, della dignità. Lo rende nemico della sua stessa gente, della sua stessa anima. Lo convince che sta facendo la cosa giusta da fare. Per comprar loro le scarpe, per mandarli a scuola, per non farli vergognare davanti ai loro amici. A lungo andare questi discorsi vengono assimilati....
    e se ne parlassimo assieme dinanzi ad un caffè?
    #staytuned #workinprogress #camorra #anticamorra #naples #noallacamorra #centopassi #centopassiyoung #mafia #antimafia

  •  8  1  29 October, 2019
  • Presentazione del libro “ L’Altro Casalese” 
Domenico Noviello, il dovere della denuncia

Ci sono storie che vanno raccontate. Per senso della memoria, perché rappresentano un pezzo importante della nostra storia. Vanno narrate anche quando accadono a Casal di Principe o a Castel Volturno. È terra del clan dei casalesi che, in un capovolgimento semantico e culturale, ha scippato il nome ad una comunità. Ma questi sono luoghi in cui vivono soprattutto tante persone perbene. Domenico Noviello era una di queste. Uno degli "altri Casalesi". Uno dei veri Casalesi. In questo volume, Paolo Miggiano ne ripercorre l'impegno antiracket e la rettitudine morale, testimoniata oggi dai figli, che mostrano, con fragile fierezza, il loro dolore di sopravvissuti all'immane tragedia. L'altro Casalese è un libro sulla camorra e l'anticamorra, ma restituisce dignità narrativa a una persona che non si è chinata alle imposizioni dei clan. Quella di Domenico Noviello è una storia importante. Una storia non proprio troppo comune, ma che può ripetersi e accadere ovunque. La sua è la storia di un uomo che non voleva affatto diventare un eroe, ma essere solo un uomo normale. Noviello fu ucciso perché lasciato solo. Per la sua morte ci dobbiamo sentire tutti un po' vittime, ma anche un po' carnefici. Per questo la sua è una storia che dobbiamo conoscere.

#storie #racconti #memoria #figli #camorra #anticamorra #dolore #vittime
  • Presentazione del libro “ L’Altro Casalese”
    Domenico Noviello, il dovere della denuncia

    Ci sono storie che vanno raccontate. Per senso della memoria, perché rappresentano un pezzo importante della nostra storia. Vanno narrate anche quando accadono a Casal di Principe o a Castel Volturno. È terra del clan dei casalesi che, in un capovolgimento semantico e culturale, ha scippato il nome ad una comunità. Ma questi sono luoghi in cui vivono soprattutto tante persone perbene. Domenico Noviello era una di queste. Uno degli "altri Casalesi". Uno dei veri Casalesi. In questo volume, Paolo Miggiano ne ripercorre l'impegno antiracket e la rettitudine morale, testimoniata oggi dai figli, che mostrano, con fragile fierezza, il loro dolore di sopravvissuti all'immane tragedia. L'altro Casalese è un libro sulla camorra e l'anticamorra, ma restituisce dignità narrativa a una persona che non si è chinata alle imposizioni dei clan. Quella di Domenico Noviello è una storia importante. Una storia non proprio troppo comune, ma che può ripetersi e accadere ovunque. La sua è la storia di un uomo che non voleva affatto diventare un eroe, ma essere solo un uomo normale. Noviello fu ucciso perché lasciato solo. Per la sua morte ci dobbiamo sentire tutti un po' vittime, ma anche un po' carnefici. Per questo la sua è una storia che dobbiamo conoscere.

    #storie #racconti #memoria #figli #camorra #anticamorra #dolore #vittime

  •  54  1  26 September, 2019
  • “La lotta alla mafia deve essere innanzitutto un movimento culturale”. Avendo come riferimento le parole di Paolo #Borsellino ho partecipato con grande piacere al Giffoni Film Festival per incontrare e confrontarmi con i ragazzi, per sostenere insieme il progetto “Ora basta”. Progetto che nasce da un’idea di Ambrogio Crespi e che vede protagonisti giovani #rappers napoletani che attraverso la loro #musica dicono “Ora basta” alla violenza, “Ora basta” alla camorra. Al Giffoni Film Festival con i giovani: una tra le battaglie più belle ed entusiasmanti!!! #UnAltraCampania #anticamorra #Campania
  • “La lotta alla mafia deve essere innanzitutto un movimento culturale”. Avendo come riferimento le parole di Paolo #Borsellino ho partecipato con grande piacere al Giffoni Film Festival per incontrare e confrontarmi con i ragazzi, per sostenere insieme il progetto “Ora basta”. Progetto che nasce da un’idea di Ambrogio Crespi e che vede protagonisti giovani #rappers napoletani che attraverso la loro #musica dicono “Ora basta” alla violenza, “Ora basta” alla camorra. Al Giffoni Film Festival con i giovani: una tra le battaglie più belle ed entusiasmanti!!! #UnAltraCampania #anticamorra #Campania

  •  48  1  25 July, 2019
  • Sull’Ospedale #SanGiovanniBosco la Magistratura sta conducendo un’azione scrupolosa.
Bisognerà attendere gli esiti delle attività.
Le Istituzioni e la politica hanno il dovere di seguire, continuando a compiere il loro dovere, senza strumentalizzare l’inchiesta.
Bisogna ricordare, soprattutto, che al San Giovanni Bosco operano eccellenze di grande professionalità. Al loro fianco ci schiereremo per ascoltare preoccupazioni e consigli.
La struttura sanitaria è impegnata in una importante operazione di rilancio. Sulla qualità delle prestazioni e, più in generale, sulla logistica. 
La chiusura del bar e del parcheggio, il rilancio di alcuni sevizi avviato dalla direzione generale dell’Asl #Napoli 1, sono primi significativi passi che vanno sostenuti. 
#legalità #anticamorra #unaltraCampania
  • Sull’Ospedale #SanGiovanniBosco la Magistratura sta conducendo un’azione scrupolosa.
    Bisognerà attendere gli esiti delle attività.
    Le Istituzioni e la politica hanno il dovere di seguire, continuando a compiere il loro dovere, senza strumentalizzare l’inchiesta.
    Bisogna ricordare, soprattutto, che al San Giovanni Bosco operano eccellenze di grande professionalità. Al loro fianco ci schiereremo per ascoltare preoccupazioni e consigli.
    La struttura sanitaria è impegnata in una importante operazione di rilancio. Sulla qualità delle prestazioni e, più in generale, sulla logistica.
    La chiusura del bar e del parcheggio, il rilancio di alcuni sevizi avviato dalla direzione generale dell’Asl #Napoli 1, sono primi significativi passi che vanno sostenuti.
    #legalità #anticamorra #unaltraCampania

  •  16  0  29 June, 2019
  • Un altro importante riconoscimento per la NOSTRA Masseria!
Il 19 giugno sono venuti a farci visita i Presidenti ed i delegati delle "Commissioni e degli Osservatori regionali Antimafia e legalità" di tutte le Regioni italiane!

Il coordinamento prima si è riunito in Consiglio poi ha fatto visita alla Masseria Ferraioli di Afragola. Siamo stati, orgogliosamente, scelti come esempio di buone pratiche nel riutilizzo dei beni confiscati ed ancora una volta abbiamo raccontato ad oltre 60 persone provenienti da tutta Italia le nostre piccole-grandi battaglie, i sogni e le difficoltà. 
Un vero "onore ed onere" che abbiamo affrontato a testa alta grazie alla vicinanza ed al sostegno, anche fisico, di tantissime realtà che ci sono vicini da tempi non sospetti! Libera Campania e Libera Contro le mafie Afragola - Casoria  Presidio Gerardo D'Arminio, i membri dell'ATS che gestisce la Masseria: Consorzio Terzo Settore, L'Uomo e il Legno, Cgil Napoli, Associazione Sott'e'ncoppa, Radio Siani la Radio della Legalità. Le impagabili aziende agricole: Azienda Agricola biologica Rea Luigi e Gerardo Rusciano. E tutti gli Ortolani che ormai sono una risorsa preziosissima!

Grande assente invece il Sindaco e l'Amministrazione Comunale! Sebbene fossero presenti l'Assessore Antonella Iovino ed il Consigliere Gennaro Castaldo, che ringraziamo perchè da sempre vicini alle nostre attività, non possiamo evitare di evidenziare che occasioni così importanti,  non solo per la Masseria ma per l'intera Città Afragola, dovrebbero avere una presenza istituzionale molto più forte e significativa. 
____________________________
#campania #masseriaferraioli  #anticamorra #beniconfiscati #afragola
  • Un altro importante riconoscimento per la NOSTRA Masseria!
    Il 19 giugno sono venuti a farci visita i Presidenti ed i delegati delle "Commissioni e degli Osservatori regionali Antimafia e legalità" di tutte le Regioni italiane!

    Il coordinamento prima si è riunito in Consiglio poi ha fatto visita alla Masseria Ferraioli di Afragola. Siamo stati, orgogliosamente, scelti come esempio di buone pratiche nel riutilizzo dei beni confiscati ed ancora una volta abbiamo raccontato ad oltre 60 persone provenienti da tutta Italia le nostre piccole-grandi battaglie, i sogni e le difficoltà.
    Un vero "onore ed onere" che abbiamo affrontato a testa alta grazie alla vicinanza ed al sostegno, anche fisico, di tantissime realtà che ci sono vicini da tempi non sospetti! Libera Campania e Libera Contro le mafie Afragola - Casoria Presidio Gerardo D'Arminio, i membri dell'ATS che gestisce la Masseria: Consorzio Terzo Settore, L'Uomo e il Legno, Cgil Napoli, Associazione Sott'e'ncoppa, Radio Siani la Radio della Legalità. Le impagabili aziende agricole: Azienda Agricola biologica Rea Luigi e Gerardo Rusciano. E tutti gli Ortolani che ormai sono una risorsa preziosissima!

    Grande assente invece il Sindaco e l'Amministrazione Comunale! Sebbene fossero presenti l'Assessore Antonella Iovino ed il Consigliere Gennaro Castaldo, che ringraziamo perchè da sempre vicini alle nostre attività, non possiamo evitare di evidenziare che occasioni così importanti, non solo per la Masseria ma per l'intera Città Afragola, dovrebbero avere una presenza istituzionale molto più forte e significativa.
    ____________________________
    #campania #masseriaferraioli #anticamorra #beniconfiscati #afragola

  •  64  3  20 June, 2019
  • #Consapevolezza

La conoscenza di certi fenomeni, in cui inevitabilmente e involontariamente ci ritroviamo coinvolti, pur essendo lontani da una scelta di vita interna a questi, io la considero un dovere morale nonché una necessarietà per poter combattere chi, con l'uso della violenza, cerca di togliere, a noi cittadini, libertà che ci spettano di diritto.

Per combattere c'e bisogno di una consapevolezza che non può che derivare dallo studio della storia delle organizzazioni in questione e dei singoli personaggi che hanno portato queste ultime diventare ciò che oggi sono.

Una lotta non violenta non implica nè un breve termine nè una vittoria sicura contro un male ormai quasi intrinseco nella società, ma la possibilità di sfaldare, di frantumare, con l'aiuto del tempo e della costanza, una mentalità mafiosa che è diventata ancor più grave del fenomeno in sé.

Una sola persona questo non può farlo, ma tante, tante e tante persone unite si.
  • #Consapevolezza

    La conoscenza di certi fenomeni, in cui inevitabilmente e involontariamente ci ritroviamo coinvolti, pur essendo lontani da una scelta di vita interna a questi, io la considero un dovere morale nonché una necessarietà per poter combattere chi, con l'uso della violenza, cerca di togliere, a noi cittadini, libertà che ci spettano di diritto.

    Per combattere c'e bisogno di una consapevolezza che non può che derivare dallo studio della storia delle organizzazioni in questione e dei singoli personaggi che hanno portato queste ultime diventare ciò che oggi sono.

    Una lotta non violenta non implica nè un breve termine nè una vittoria sicura contro un male ormai quasi intrinseco nella società, ma la possibilità di sfaldare, di frantumare, con l'aiuto del tempo e della costanza, una mentalità mafiosa che è diventata ancor più grave del fenomeno in sé.

    Una sola persona questo non può farlo, ma tante, tante e tante persone unite si.

  •  20  3  8 June, 2019
  • L’ospedale della nuova Resistenza dei medici campani 🏥

La Resistenza di medici, infermieri, sindacati e di tutto il personale ospedaliero è partita da qui: dallo scalone monumentale dell’antico ospedale Pellegrini (nel corpo dell’edificio si trovano la Chiesa della SS. Trinità dei Pellegrini, con la sua facciata vanvitelliana, e il Complesso museale con un magnifico coro ed un archivio storico che conta 1250 volumi). Proprio questo luogo, nella notte del 16 maggio si era trasformato in un teatro di guerra. Guerra di camorra, con tanto di spari e proiettili vaganti. 
Sabato 25 maggio medici e personale si sono ritrovati nel cortile cinquecentesco ridotto a scenario di un far west urbano al grido di “Disarmiamo la camorra”. Un flashmob che è stato una parata di camici bianchi esasperati e indignati. In ogni caso, uniti. Con loro, anche il presidente della Regione. “Essere qui è un modo per rivendicare il lavoro fatto e la dignità della sanità campana a fronte delle campagne di aggressione mediatica". Per sottolineare che la sanità regionale è in grado di produrre anticorpi anche contro una violenza che prima non aveva mai violato un luogo della sofferenza e della cura.

#hospital #ospedale #anticamorra #sanità #sanitàcampana #medici #SantissimaTrinitàdeiPellegrini #church #chiesa #scala #stairs #settecento #napoli #naples #campaniadivina #health #history #Italianhistory #Italianarchitecture #madeinnaples 📷 Credits: Flickr Carlo Raso https://www.flickr.com/photos/70125105@N06/16384929694/
  • L’ospedale della nuova Resistenza dei medici campani 🏥

    La Resistenza di medici, infermieri, sindacati e di tutto il personale ospedaliero è partita da qui: dallo scalone monumentale dell’antico ospedale Pellegrini (nel corpo dell’edificio si trovano la Chiesa della SS. Trinità dei Pellegrini, con la sua facciata vanvitelliana, e il Complesso museale con un magnifico coro ed un archivio storico che conta 1250 volumi). Proprio questo luogo, nella notte del 16 maggio si era trasformato in un teatro di guerra. Guerra di camorra, con tanto di spari e proiettili vaganti.
    Sabato 25 maggio medici e personale si sono ritrovati nel cortile cinquecentesco ridotto a scenario di un far west urbano al grido di “Disarmiamo la camorra”. Un flashmob che è stato una parata di camici bianchi esasperati e indignati. In ogni caso, uniti. Con loro, anche il presidente della Regione. “Essere qui è un modo per rivendicare il lavoro fatto e la dignità della sanità campana a fronte delle campagne di aggressione mediatica". Per sottolineare che la sanità regionale è in grado di produrre anticorpi anche contro una violenza che prima non aveva mai violato un luogo della sofferenza e della cura.

    #hospital #ospedale #anticamorra #sanità #sanitàcampana #medici #SantissimaTrinitàdeiPellegrini #church #chiesa #scala #stairs #settecento #napoli #naples #campaniadivina #health #history #Italianhistory #Italianarchitecture #madeinnaples 📷 Credits: Flickr Carlo Raso https://www.flickr.com/photos/70125105@N06/16384929694/

  •  143  1  7 June, 2019
  • L’esperienza della Fondazione “A voce d’e creature” di Don Luigi Merola è tra le migliori esperienze della #Campania, un esempio vero ed efficace di recupero e valorizzazione di un bene. Vedere tanti bambini giocare, impegnarsi in attività ricreative ed artistiche riempie il cuore.

La collaborazione Istituzionale è fondamentale, con le Associazioni ed il Mondo giovanile. L’approvazione delle nuove norme regionali prevedono un sostegno concreto per il riutilizzo e la valorizzazione dei #beniconfiscati e, soprattutto, aprono la strada all’utilizzo dei fondi europei. 
#legalità #anticamorra
  • L’esperienza della Fondazione “A voce d’e creature” di Don Luigi Merola è tra le migliori esperienze della #Campania, un esempio vero ed efficace di recupero e valorizzazione di un bene. Vedere tanti bambini giocare, impegnarsi in attività ricreative ed artistiche riempie il cuore.

    La collaborazione Istituzionale è fondamentale, con le Associazioni ed il Mondo giovanile. L’approvazione delle nuove norme regionali prevedono un sostegno concreto per il riutilizzo e la valorizzazione dei #beniconfiscati e, soprattutto, aprono la strada all’utilizzo dei fondi europei.
    #legalità #anticamorra

  •  53  0  4 June, 2019
  • Memoria e impegno: concetti che si imparano, per poi scoprire che sono già dentro di noi. 
Da parte mia, ringrazio la Cooperativa Siani @radiosiani perché mi insegna - e mi ricorda - qualcosa ogni giorno. 
Perché io lo ricordo quel 23 maggio: il viso sconvolto di mia madre, il senso di impotenza che trasmetteva l’immagine di quell’auto. Non ho mai dimenticato la copertina dell’ @espressosettimanale sul comodino dei miei genitori.
“Perché lui”, si leggeva.
Oggi, 23 maggio, il pensiero, il ricordo e la memoria vanno alla strage di Capaci.
“Sull'autostrada A29, nei pressi dello svincolo di Capaci e a pochi chilometri da Palermo, persero la vita il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro”.
*
"Le loro idee camminano sulle nostre gambe".
Capaci di ricordare
•
#memoria #impegno #giornalista #ricordo #journalist #radiosiani #antimafia #anticamorra #falcone #giovannifalcone #capaci #espresso
  • Memoria e impegno: concetti che si imparano, per poi scoprire che sono già dentro di noi.
    Da parte mia, ringrazio la Cooperativa Siani @radiosiani perché mi insegna - e mi ricorda - qualcosa ogni giorno.
    Perché io lo ricordo quel 23 maggio: il viso sconvolto di mia madre, il senso di impotenza che trasmetteva l’immagine di quell’auto. Non ho mai dimenticato la copertina dell’ @espressosettimanale sul comodino dei miei genitori.
    “Perché lui”, si leggeva.
    Oggi, 23 maggio, il pensiero, il ricordo e la memoria vanno alla strage di Capaci.
    “Sull'autostrada A29, nei pressi dello svincolo di Capaci e a pochi chilometri da Palermo, persero la vita il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro”.
    *
    "Le loro idee camminano sulle nostre gambe".
    Capaci di ricordare

    #memoria #impegno #giornalista #ricordo #journalist #radiosiani #antimafia #anticamorra #falcone #giovannifalcone #capaci #espresso

  •  51  2  23 May, 2019
  • "Complimenti alle forze dell'ordine che all'alba di oggi hanno effettuato un'importante operazione anticamorra incentrata sul Mercato dei fiori tra Castellammare di Stabia e Pompei e sul clan Cesarano". Così Gaetano Cimmino, sindaco di Castellammare di Stabia. "Carabinieri e guardia di finanza - ha continuato Cimmino - hanno eseguito un'ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di sette persone accusate di reati gravissimi.
Lo Stato c'è e ai miei concittadini dico: denunciate. Mettiamo fine al clima di vessazioni e di omertà. Grazie ancora a carabinieri e guardia di finanza che ogni giorno fanno sentire la propria presenza sul territorio". -

#Anticamorra #Legalità #Carabinieri #Guardiadifinanza #Castellammare#CastellammarediStabia #Stabia2019 #Stabiae -
  • "Complimenti alle forze dell'ordine che all'alba di oggi hanno effettuato un'importante operazione anticamorra incentrata sul Mercato dei fiori tra Castellammare di Stabia e Pompei e sul clan Cesarano". Così Gaetano Cimmino, sindaco di Castellammare di Stabia. "Carabinieri e guardia di finanza - ha continuato Cimmino - hanno eseguito un'ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di sette persone accusate di reati gravissimi.
    Lo Stato c'è e ai miei concittadini dico: denunciate. Mettiamo fine al clima di vessazioni e di omertà. Grazie ancora a carabinieri e guardia di finanza che ogni giorno fanno sentire la propria presenza sul territorio". -

    #Anticamorra #Legalità #Carabinieri #Guardiadifinanza #Castellammare #CastellammarediStabia #Stabia2019 #Stabiae -

  •  24  0  22 May, 2019
  • "Complimenti alle forze dell'ordine che all'alba di oggi hanno effettuato un'importante operazione anticamorra incentrata sul Mercato dei fiori tra Castellammare di Stabia e Pompei e sul clan Cesarano". Così Gaetano Cimmino, sindaco di Castellammare di Stabia. "Carabinieri e guardia di finanza - ha continuato Cimmino - hanno eseguito un'ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di sette persone accusate di reati gravissimi.
Lo Stato c'è e ai miei concittadini dico: denunciate. Mettiamo fine al clima di vessazioni e di omertà. Grazie ancora a carabinieri e guardia di finanza che ogni giorno fanno sentire la propria presenza sul territorio". -

#Anticamorra #Legalità #Carabinieri #Guardiadifinanza #Castellammare#CastellammarediStabia #Stabia2019 #Stabiae #Cittàdelleacque#GaetanoCimmino #GaetanoCimminoSindaco -
  • "Complimenti alle forze dell'ordine che all'alba di oggi hanno effettuato un'importante operazione anticamorra incentrata sul Mercato dei fiori tra Castellammare di Stabia e Pompei e sul clan Cesarano". Così Gaetano Cimmino, sindaco di Castellammare di Stabia. "Carabinieri e guardia di finanza - ha continuato Cimmino - hanno eseguito un'ordinanza di applicazione di misure cautelari nei confronti di sette persone accusate di reati gravissimi.
    Lo Stato c'è e ai miei concittadini dico: denunciate. Mettiamo fine al clima di vessazioni e di omertà. Grazie ancora a carabinieri e guardia di finanza che ogni giorno fanno sentire la propria presenza sul territorio". -

    #Anticamorra #Legalità #Carabinieri #Guardiadifinanza #Castellammare #CastellammarediStabia #Stabia2019 #Stabiae #Cittàdelleacque #GaetanoCimmino #GaetanoCimminoSindaco -

  •  25  0  22 May, 2019
  • Stamattina a San Giovanni a Teduccio dove qualche settimana fa la camorra ha mostrato tutta la sua violenza uccidendo un uomo davanti ad una scuola sotto gli occhi di bambini, genitori, docenti. 
#IONONCISTO il grido, la speranza dei giovani. 
La grande partecipazione alla marcia dei cittadini, delle scuole, dei ragazzi e delle associazioni insieme al Presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra, è il segnale più forte della voglia di riscatto di questo territorio. Io ci sto, un’altra Campania c’è!

#unaltracampania #iocisto #legalità #sicurezza #anticamorra #antimafia
  • Stamattina a San Giovanni a Teduccio dove qualche settimana fa la camorra ha mostrato tutta la sua violenza uccidendo un uomo davanti ad una scuola sotto gli occhi di bambini, genitori, docenti.
    #IONONCISTO il grido, la speranza dei giovani.
    La grande partecipazione alla marcia dei cittadini, delle scuole, dei ragazzi e delle associazioni insieme al Presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra, è il segnale più forte della voglia di riscatto di questo territorio. Io ci sto, un’altra Campania c’è!

    #unaltracampania #iocisto #legalità #sicurezza #anticamorra #antimafia

  •  60  0  16 May, 2019

Top #anticamorra Posts

  • Napoli scende in piazza contro la camorra. La testimonianza di un figlio di un uomo del clan sbalordisce la piazza:"Amate sempre i vostri padri, ma se sono camorristi dissociatevi!!" #napoli #naples #corteo #anticamorra #camorra SCORRI DA DESTRA VERSO SINISTRA PER VEDERE I VIDEO 📼
  • Napoli scende in piazza contro la camorra. La testimonianza di un figlio di un uomo del clan sbalordisce la piazza:"Amate sempre i vostri padri, ma se sono camorristi dissociatevi!!" #napoli #naples #corteo #anticamorra #camorra SCORRI DA DESTRA VERSO SINISTRA PER VEDERE I VIDEO 📼

  •  966  12  5 May, 2019
  • A me non importa sapere chi è Dio! A me importa sapere da che parte sta. Un prete faceva risuonare queste forti parole in un periodo buio della storia italiana in cui gli attentati e le stragi, le rendevano ancora più pericolose. Don Peppe Diana diceva spesso omelie “impegnate” di questo tipo nella sua parrocchia di San Nicola di Bari in Casal di Principe, luogo in cui era nato e in cui morì il 19 Marzo 1994. Quel giorno di 25 anni fa venne infatti raggiunto da cinque colpi di pistola mentre si trovava nella sacrestia della chiesa, pronto a celebrare la Santa Messa. Un omicidio di stampo puramente camorristico che fece scalpore in tutta Italia. Ebbene, rispetto ai soliti regolamenti di colpi, le solite rappresaglie mafiose o gli atti scellerati tipici delle attività criminali, questa volta era stato ucciso un prete, una figura ben lontana da tutte le dinamiche del potere, un uomo che aveva usato la sua vocazione come megafono per denunciare ancora e ancora il male che martoriava la sua terra, che uccideva ogni giorno e strappava ai giovani il futuro roseo a cui ognuno dovrebbe avere diritto, indipendentemente dal luogo in cui si nasce. Nel 1991 il prete scrisse la lettera “Per amore del mio popolo”, fatta circolare tra tutte le parrocchie dell’hinterland campano e divenuta poi suo testamento e lascito spirituale. Lo scritto auspicava il ritorno di una Chiesa militante di ben lontana memoria, un’istituzione che tramite esempi di legalità, testimonianze e “profeti di giustizia” potesse colmare il vuoto lasciato spesso dalle corrotte e inermi istituzioni civili davanti all’imposizione camorristica della violenza, dei soprusi e della morte. Dopo quel buio 19 Marzo, la figura di Don Peppe Diana divenne per la Campania e per tutta Italia un archetipo di legalità, un profondo monito di giustizia e legalità per le coscienze di ogni cittadino. -phil

#HistoryHere #ricordo #memoria #anticamorra #antimafia #lotta  #falcone #borsellino #napoli #libera #camorra #saviano #chiesa #prete #caserta #campania #legalità #giustizia #speranza #donpeppediana #repubblica #corrieredellasera #espresso
  • A me non importa sapere chi è Dio! A me importa sapere da che parte sta. Un prete faceva risuonare queste forti parole in un periodo buio della storia italiana in cui gli attentati e le stragi, le rendevano ancora più pericolose. Don Peppe Diana diceva spesso omelie “impegnate” di questo tipo nella sua parrocchia di San Nicola di Bari in Casal di Principe, luogo in cui era nato e in cui morì il 19 Marzo 1994. Quel giorno di 25 anni fa venne infatti raggiunto da cinque colpi di pistola mentre si trovava nella sacrestia della chiesa, pronto a celebrare la Santa Messa. Un omicidio di stampo puramente camorristico che fece scalpore in tutta Italia. Ebbene, rispetto ai soliti regolamenti di colpi, le solite rappresaglie mafiose o gli atti scellerati tipici delle attività criminali, questa volta era stato ucciso un prete, una figura ben lontana da tutte le dinamiche del potere, un uomo che aveva usato la sua vocazione come megafono per denunciare ancora e ancora il male che martoriava la sua terra, che uccideva ogni giorno e strappava ai giovani il futuro roseo a cui ognuno dovrebbe avere diritto, indipendentemente dal luogo in cui si nasce. Nel 1991 il prete scrisse la lettera “Per amore del mio popolo”, fatta circolare tra tutte le parrocchie dell’hinterland campano e divenuta poi suo testamento e lascito spirituale. Lo scritto auspicava il ritorno di una Chiesa militante di ben lontana memoria, un’istituzione che tramite esempi di legalità, testimonianze e “profeti di giustizia” potesse colmare il vuoto lasciato spesso dalle corrotte e inermi istituzioni civili davanti all’imposizione camorristica della violenza, dei soprusi e della morte. Dopo quel buio 19 Marzo, la figura di Don Peppe Diana divenne per la Campania e per tutta Italia un archetipo di legalità, un profondo monito di giustizia e legalità per le coscienze di ogni cittadino. -phil

    #HistoryHere #ricordo #memoria #anticamorra #antimafia #lotta #falcone #borsellino #napoli #libera #camorra #saviano #chiesa #prete #caserta #campania #legalità #giustizia #speranza #donpeppediana #repubblica #corrieredellasera #espresso

  •  414  8  19 March, 2019
  • Dal Fvg partita mega operazione anticamorra:
50 arrestate e 11 con obbligo di dimora.
Sequestrati beni per 11 milioni di euro.

Dalle prime ore dell’alba il G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Trieste e la Squadra Mobile di Venezia, stanno eseguendo - in provincia di Venezia, Casal di Principe (CE) e altre località - 50 misure di custodia cautelare personale per associazione a delinquere di stampo mafioso e vari gravi reati, nonché 11 provvedimenti di obblighi di dimora e di altro tipo disposti su richiesta della Procura Distrettuale della Repubblica di Venezia. L’operazione, denominata «AT LAST» L'operazione anticamorra della fiamme gialle, nata tra Udine e il capoluogo giuliano e diretta dalla Procura veneziana, vede la partecipazione di oltre 300 uomini anche del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata (S.C.I.C.O.) della Guardia di Finanza di Roma, del Servizio Centrale Operativo (S.C.O.) della Polizia di Stato e del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Venezia. 
Sono altresì in corso di esecuzione sequestri preventivi per beni e valori pari a 10 milioni di euro. I dati salienti dell’intervento saranno comunicati dal Procuratore Nazionale Antimafia dott. Federico Cafiero de Raho e dal Procuratore Distrettuale di Venezia dott. Bruno Cherchi in un incontro con la stampa alle ore 11,30 nei locali del tribunale di Venezia.

#gdf #guardiadifinanza #trieste #udine #fvg #telefriuli #veneto #venezia #camorra #mafia #anticamorra
  • Dal Fvg partita mega operazione anticamorra:
    50 arrestate e 11 con obbligo di dimora.
    Sequestrati beni per 11 milioni di euro.

    Dalle prime ore dell’alba il G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Trieste e la Squadra Mobile di Venezia, stanno eseguendo - in provincia di Venezia, Casal di Principe (CE) e altre località - 50 misure di custodia cautelare personale per associazione a delinquere di stampo mafioso e vari gravi reati, nonché 11 provvedimenti di obblighi di dimora e di altro tipo disposti su richiesta della Procura Distrettuale della Repubblica di Venezia. L’operazione, denominata «AT LAST» L'operazione anticamorra della fiamme gialle, nata tra Udine e il capoluogo giuliano e diretta dalla Procura veneziana, vede la partecipazione di oltre 300 uomini anche del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata (S.C.I.C.O.) della Guardia di Finanza di Roma, del Servizio Centrale Operativo (S.C.O.) della Polizia di Stato e del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Venezia.
    Sono altresì in corso di esecuzione sequestri preventivi per beni e valori pari a 10 milioni di euro. I dati salienti dell’intervento saranno comunicati dal Procuratore Nazionale Antimafia dott. Federico Cafiero de Raho e dal Procuratore Distrettuale di Venezia dott. Bruno Cherchi in un incontro con la stampa alle ore 11,30 nei locali del tribunale di Venezia.

    #gdf #guardiadifinanza #trieste #udine #fvg #telefriuli #veneto #venezia #camorra #mafia #anticamorra

  •  44  0  19 February, 2019